Prima SquadraRAMMARICO E PARITA’: LO ZEVIO STOPPA LA PRO SAMBONIFACESE! Pareggio che va stretto ai bianconeri

Dicembre 13, 20210

AC ZEVIO 1925 – PROSAMBONIFACESE 2 -2 (1  –  0)

Ac Zevio 1925: Pedrelli, Taddei, Trionfane, Costa, Cont, Tarulli,  Pretto (38’st Terza), Danzi, Okonji (33’st Mainente), Lima da Silva, Manente (30’st Bellamoli)

Allenatore: Andrea Danese

Pro Sambonifacese: Altamura, Soave (32’st Zaninello), Moia, Tisato, Bressan, Ajeti, Zanaga, Beltramo (22’st Eshun), Gazzo, Masetto, Corbo (47’st Battocchia) 

Allenatore: Battistella

Arbitro: Sig. Sartore della sezione di Padova

Reti: 34’pt Corbo (PS), 1’st Okonji (Z), 26’st Zagata (PS), 47’st Mainente (Z)

Con un gol di Mainente nel finale lo Zevio agguanta, viste come si erano messe le cose, un insperato pareggio con la prima della classe. Per cercare di fare lo sgambetto alla corazzata Pro Sambonifacese in testa alla classifica, Mister “Scorpione” Danese propone un inedito 5-3-2 con Pedrelli in porta, Taddei, Trionfante, Cont, Costa e Tarulli in difesa; Manente, Danzi e Lima Da Silva a centrocampo; Pretto e Okonji come terminali offensivi.

L’avvio è degli ospiti; già al 1’ Corbo, uno degli ex della partita, cerca la via del gol, ma sulla sua strada trova un ispirato Renè “Saracinesca” Pedrelli, che sventa seppur con qualche affanno la minaccia. Corbo si ripresenta qualche minuto dopo con un colpo di testa che sorvola la traversa. Sull’altro fronte sale in cattedra Altamura, l’estremo difensore rossoblù, che con un balzo felino blocca in due tempi il tentativo da due passi di Okonji. Trionfante si procura con mestiere una punizione dal limite. Lima da Silva calcia magistralmente, ma è ancora Altamura a togliere il pallone destinato all’incrocio dei pali. E’ un continuo batti e ribatti, con i bianconeri che non concedono nulla agli avversari. Cont ringhia più del dovuto su Corbo, tanto da beccarsi l’ammonizione e concedere un’insidiosa punizione dalla trequarti. Beltramo disegna una splendida parabola per Corbo, che di testa trova il gol del vantaggio. I locali non si perdono d’animo e si buttano nella metà campo avversaria. Masetto, dopo essersi sciroppato mezza retroguardia bianconera, esagera e spreca malamente. Manca poco alla fine del primo tempo e Mister Danese chiede ai suoi di stringere i denti e di mettere gli avversari all’angolo. “Un’entratina” mica da ridere su Lima Da Silva in piena area fa gridare al rigore, ma il Direttore di Gara ben appostato non ravvisa gli estremi per il tiro dagli undici metri. Sulla punizione di Lima da Silva, calciata dalle parti di Ponte Perez, finisce la prima frazione.

Evidentemente Mister Danese durante l’intervallo tocca le corde giuste dei propri giocatori, che al rientro in campo sembrano ancor più determinati nel voler trovare il pareggio. Pronti, via e il tiro di Taddei trova solo la deviazione in angolo. Lima Da Silva la mette nel mezzo, dove il funambolico Okonji, in tuffo, trova il bersaglio grosso. Parità meritatamente ristabilita. Doccia gelata per gli ospiti, che non si aspettavano un avvio così arrembante da parte dei bianconeri ed accusano il colpo. Danzi per Pretto, immediato traversone sul quale Okonji, ancora lui e sempre in tuffo, per un niente mette a lato. Contropiede alla 4 x 100 dei rossoblù, con Pedrelli che si distende e mette in angolo. Altamura, probabilmente il migliore dei suoi, non vuole far felice Lima da Silva e toglie anche questa volta il pallone destinato al sette. Bravo, proprio bravo. Pretto ci prova anche lui, ma il tiro è debole come un novantenne dopo l’influenza. Mister Battistella toglie Beltramo ed inserisce Eshun, un’autentica furia sulla fascia sinistra. Eshun si fa subito apprezzare guadagnando una punizione da appena fuori area dello Zevio. Masetto trova solo la folta barriera, ma il pallone rimane lì dove è in agguato Zanaga, che dopo essersi coordinato lascia partire una saetta di rara precisione balistica che gonfia nuovamente la rete. Ospiti avanti. I bianconeri non demordono e le provano tutte, ma Bressan, altro ex della partita, e company non corrono rischi particolari. Corbo, sempre di testa, manda alto sopra la traversa. Ci prova anche il neo entrato Zaninello, ma senza colpo ferire. Mister Danese leva lo sfinito Okonji e getta nella mischia il gladiatore Mainente. E meno male. Siamo in pieno recupero: Tisato non si intende con Altamura e Mainente si intrufola tra i due cogliendoli di sorpresa e con un gioco di magia deposita la sfera alle spalle dell’estremo difensore rossoblù. Ancora una volta la zona “Cesarini” risulta fatale agli avversari. Tutti si aspettano i tre fischi finali, ma il Direttore di Gara fa ancora giocare. I rossoblù trovano un ultimo tiro dalla bandierina. Masetto nel mucchio, ma Cont intercetta e allontana. E’ finita e lo Zevio può iniziare a festeggiare per aver fermato la capolista.

Le parole a caldo di Giorgio “Derrik” Scandola: “Bella partita contro la capolista, soddisfatto del gioco e rammaricato per il risultato a mio modo un po’ stretto! Contento del gruppo e felice del primo gol di Elia …” 

FZ

Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

WOULD YOU LIKE TO JOIN OUR SOCCER CLUB?

Spread the love

ABOUT OXYGEN FC

logo-soccer-footer

Leverage agile frameworks to provide a robust synopsis for high level overviews. Iterative approaches to corporate strategy foster collaborative thinking to further the overall value proposition. Organically grow the holistic world view of disruptive innovation via workplace diversity and empowerment.

TWITTER

@bold_themes - 3 mesi

🤩 Creative and beautiful Wordpress Theme for Therapy and Counseling - Lycka is now out!

@bold_themes - 3 mesi

If you have any support question regarding our WordPress themes and plugins please go to: a…

@bold_themes - 6 mesi

A new WordPress theme for car services, car detailing, auto wash & repair has been launched! Get it NOW at 40% off…