Prima SquadraLO ZEVIO NON INCIAMPA NEL DOSSO(BUONO)! Sorriso a denti stretti per i bianconeri

Marzo 7, 20220

A.C.D. OLIMPICA DOSSOBUONO – AC ZEVIO 1925  0 – 0 (0  –  0)

Acd Olimpica Dossobuono: Albertini, Lizzari, Faccioli, Pigatto, Burgos, Caldana, Giuliari, Bassani, Spelid (37’st Boscorini), Bouakou (30’st Olioso), El Himer (18’pt Milanese)

Allenatore: Bozzini

Ac Zevio 1925: Pedrelli, Taddei, Tarulli, Costa, Cont, Zenari (18’st Manente), Lima da Silva, Terza, Diagne, Bellamoli (8’st Danzi), Pretto (15’st Okonji)

Allenatore: Mantovani Marco

Arbitro: Sig. Battaglia della sezione di Vicenza

I bianconeri, orfani di Mister “Scorpione” Danese per le inaspettate dimissioni date in settimana, per la quarta giornata del girone di ritorno, si recano a far visita all’Olimpica Dossobuono in serie positiva da sei giornate e seconda in classifica. 

Mister Marco “multitasking” Mantovani, in attesa del nuovo allenatore, per fronteggiare la velocità della giovanissima squadra locale, propone un classico 4-3-3 con Pedrelli a baluardo della porta; Taddei, Cont, Costa e il recuperato Tarulli per contrastare le folate offensive di Spelid e company; Zenari, Lima da Silva, Bellamoli in mezzo al campo; Diagne, Pretto e Terza come terminali offensivi.

Avvio tambureggiante per gli ospiti, forse anche per cercare di scrollarsi di dosso quanto accaduto in settimana. Terza si fa apprezzare in uno slalom gigante, con l’attenta retroguardia giallorossa costretta a rifugiarsi in corner. Sull’altro fronte Renè “Saracinesca” Pedrelli respinge con i pugni un’insidiosa punizione di Bassani. Man Mano che passano i minuti il clima, sia in campo che sulle panchine, si rende sempre più incandescente. Il Direttore di Gara fatica non poco a tenere a freno le redini della partita. Lima da Silva potrebbe fare molto meglio per impensierire Albertini, l’estremo difensore locale, ma il tiro supera abbondantemente la recinzione.  Batti e ribatti, falli di qua e di là. Il gioco è molto spezzettato da continui fischi del Direttore di Gara. Zenari, lanciato in contropiede, viene fatto secco da un colpo “alla Bruce Lee” di Caldona. Rosso diretto e locali in dieci. Pretto, sul lancio millimetrico di Taddei, viene fermato da un fuorigioco che grida vendetta. Giuliari riesce a saltare uno statico Costa, con Cont che si vede costretto a mettere in angolo.  Brividi alla schiena per i tifosi ospiti per un liscio clamoroso di Pedrelli alla mezz’ora. Faccioli, esterno locale, si procura con mestiere un’insidiosa punizione dalla trequarti, che però non porta frutto. Siamo nel recupero della prima frazione; Giuliari, ottimamente servito, si fa anticipare dall’ispirato Cont. Due fischi e tutti negli spogliatoi a riordinare le idee. In tutto il primo tempo i portieri non sono mai stati chiamati in causa, se non per l’ordinaria attività. 

Le ostilità, mai termine potrebbe essere più azzeccato, si aprono con il gol annullato a Cont per fuorigioco. I bianconeri, seppur con un uomo in più, faticano a trovare geometrie e fraseggio. Punizione giallorossa da poco fuori l’area di rigore bianconera per una leggerezza difensiva di Taddei. Si incarica della battuta Burgos, che spara un’autentica “bismarck” cannonata che si infrange all’incrocio dei pali, con Pedrelli che fa da spettatore. Olimpica Dossobuono sfortunata. La partita è sempre più combattuta e i falli si sprecano. Milanese, molto nervoso, non le manda a dire al Direttore di Gara che, parsimonioso, gli evita le fatiche di finire l’incontro estraendo il secondo cartellino rosso della giornata. Locali addirittura in nove. Che i bianconeri possano approfittare della doppia superiorità numerica? Macchè. Neanche due minuti e Taddei, per un inutile fallo di frustrazione, si becca il secondo giallo e, conseguentemente, il diritto di farsi la doccia anzitempo. Parità numerica quasi ristabilita. Lima da Silva per Cont, veloce verticalizzazione per il neo entrato Mainente, con Albertini che devia in angolo. Albertini si ripete nuovamente su Mainente, negandogli la gioia del gol. Pigatto sfugge alla marcatura di Lima da Silva, ma il delizioso rasoterra viene intercettato da uno svirgolone di  Cont. Siamo agli sgoccioli del match. Azione corale ospite: Danzi gira per Lima da Silva, cross sul secondo palo dove Costa di testa impatta malamente, spedendo oltre la traversa. I cinque minuti di recupero concessi dal Direttore di Gara stanno per scadere. Ultima possibilità per lo Zevio. Punizione da mettere nel mucchio e sperare in una deviazione vincente. Lima da Silva si inventa, invece, se così si può dire, un tiraccio senza arte né parte, che si spegne mestamente dalle parti di Madonna di Dossobuono e con esso sfumano le possibilità di portarsi a casa i tre punti.

Bicchiere mezzo pieno e bicchiere mezzo vuoto? Nelle parole del Presidente Giorgio “D’Ardagnan” Scandola il decisivo verdetto: “Oggi diciamo un brodino. Peccato. Da come si erano messe le cose è stata un’occasione persa! Ma sono fiducioso per le prossime gare. Oggi ho visto una squadra concentrata e motivata. Mai mollare”.   

FZ

Spread the love

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

WOULD YOU LIKE TO JOIN OUR SOCCER CLUB?

Spread the love

ABOUT OXYGEN FC

logo-soccer-footer

Leverage agile frameworks to provide a robust synopsis for high level overviews. Iterative approaches to corporate strategy foster collaborative thinking to further the overall value proposition. Organically grow the holistic world view of disruptive innovation via workplace diversity and empowerment.

TWITTER

@bold_themes - 2 settimane

NEW! 👉 WordPress theme for lawyers, attorneys, legal offices, insurance companies. The design is awesome 😍 with jus…

@bold_themes - 4 mesi

🤩 Creative and beautiful Wordpress Theme for Therapy and Counseling - Lycka is now out!

@bold_themes - 4 mesi

If you have any support question regarding our WordPress themes and plugins please go to: a…