Pulcini 2007.

A.C. Pozzo A.S.D.: Sebastiano Mercanti, Demis Magagnotti, Raul Farcas, Pietro Lonardi, Costantin Dragoescu, Daniele Cattelan, Luca Zanetti, Nicolas Dalla Vedova, David Enrico Farcas, Nosa Emmanuel Alhoan, Jacopo Sandrini, Cristiano Chesini, Devis Marcolongo.

AC Zevio 1925: Filippo Frigo, Valentino Spada, Andrea Signorini, Eriko Osmani, , Kevin Spada, Gabriel Carcereri, Alessio Pernigotti, Matteo Santinello, Sudejs Shehi, Mohammed Fattah.

Sabato 07 aprile 2018 ore 15:00 campo sussidiario Comunale di Via M. Pastello a Pozzo di San Giovanni Lupatoto. Bellissima giornata primaverile.  Nota stonata il campo e l’ospitalità. Si torna a giocare dopo la sospensione dovuta alle festività pasquali, e finalmente, con l’arrivo della primavera che con le sue miti temperature oggi consente di svolgere una partita finalmente con il sole. Purtroppo il post vacanze non sempre giova, ci si rilassa troppo, si scartano troppe uova di cioccolata, e, se poi a questi ingredienti aggiungiamo l’effetto che produce la primavera, il mix non è dei migliori. L’inizio partita non è certamente fulmineo perché gli avversari marcano a uomo e i ragazzi dello Zevio fanno fatica a liberarsi dalle marcature e impostare il gioco. Complice è sicuramente il campo, si fa molta fatica a controllare la sfera e di conseguenza diventa molto difficile impostare il gioco. Gli avversari non risparmiano nulla pressano, marcano a uomo, sono praticamente appiccicati,  e giocano abbastanza duro, al punto che neanche il nostro portiere  Frigo è esente dal subire la fisicità dei padroni di casa che in diverse occasioni lo abbattono nel vero senso del termine. L’aggressione degli avversari continua senza sosta e i bianconeri, che oggi hanno lasciato a casa la grinta, continuano a subire, costringendo Frigo a tuffarsi sull’asfalto per evitare un gravoso passivo. Riusciamo a far goal con Shehi, ma non basta. Inizia l’ultima frazione di gioco, i bianconeri entrano in campo dopo essere stati leggermente strigliati in panchina. Come per magia si inizia a giocare e vedere qualche bella azione dei bianconeri che sfiorano in diverse occasioni il goal. Finiscono le ostilità e i ragazzi appaiono distrutti. Lunedì si ritorna a lavoro, si riprende il ritmo che è stato perso durante le festività. Anche questa prova è da insegnamento, nulla è lasciato al caso. Comunque sempre compatti e uniti. Bravi ragazzi. Ci rifaremo la prossima gara.

Rino Paolella